CLICK o TAP sulla miniatura per vedere, in dettaglio i risultati delle lavorazioni.

Pulitura 2M - cell 3470723130

Abbigliamento

in pelle


Suggerimenti per un corretto uso e manutenzione dei capi in pelle e camoscio
Manutenzione

Servizio ritiro e riconsegna in tutta ITALIA
Tariffe di spedizione e modalità di pagamento

Abiti in pelle

Verifica

Verificate che il capo sia effettivamente di pelle, soprattutto se di dubbia provenienza.
I capi in pelle ecologica nulla hanno di pelle e tanto meno di ecologico.
I bidoni generalmente sono delle imitazioni quasi perfette sia dal punto visivo che tattile. Per riconoscerli bisogna scucire la fodera e osservare il rovescio. Di solito questi capo presentano tutti i bordi rigirati e cuciti per non mostrare la tramatura che fa da suppotto al materiale sintetico.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Impermeabilizzazione.

La pelle scamosciata e il nabuck non vanno mai impermeabilizzate.
Perchè?
La pelle scamosciata ha la necessità di essere trattata almeno una volta ogni tre anni con dei pordotti nutrienti, grassi "detti riconcianti", altrimenti la colorazione perde brillantezza. Inoltre la pella seccandosi tende a sfogliarsi e a formare nodi e questo processo è irreversibile.
Un giusto grado di ingrasso la protegge già sufficientemente dagli agenti atmosferici.
Se viene impermeabilizzata, il prodotto conciante che generalmente viene dato a spruzzo, non verrà assorbito, o verrà assorbito in mopo non uniforne.
Il giusto grado di ingrasso è molto semplice da verificare, si procede nel seguente modo: si preme forte con il pollice sul pellame e lo si trascine il per 3-4 centimetri. Se la pelle è sufficientemente conciata, la pressione fa affiorare il grasso e la pelle prende un aspetto lucido - brillante, se l'aspetto resta asciutto o secco è necessario fare un trattamento riconciante come nutrimento e protezione da acqua e sporcizia.
Il trattamento riconciante serve anche a ravvivare la tinta.

La pelle in nappa o nappata è già impermeabile di suo. Sono pelli verniciate con pignemto che le rende impermeabili.
La pelle in anilina se naturale andrebbe impermeabilizzata da nuova.
Perchè?
Come la pelle scamosciata l'anelina se non trattata è molto assorbente, ma a differenza del camoscio che ha una superficie spazzolabile, l'anelina è quasi sempre un pieno fiore (pelle liscia naturale) ed ogni azione meccanica ne altera o rovina la superficie.
Una macchia sulla pelle in anilina è difficilmente eliminabile soprattutto se vecchia, per cui per nasconderla è quasi d'obbligo la verniciatura.
Per tingere un capo in anilna, e mantenerne la morbidezza, è necessario, impedire al colore di penetrare nella pelle e questo si fa impermeabilizzandola.
Tanto vale farlo da nuova cercando di far durare il capo pulito più a lungo possibile.

Considerazione sui capi impermeabilizzati con silicone.
Le pelli in nabuk che hanno subito impregnazione con prodotti siliconici, sia industriali che casalinghi, al momento della ritintura o del cambio tinta, devono essere trattate con particolari prodotti per favorire l'ancoraggio del colore, questo comporta un cambiamento della superficie della pelle che si presenterà come una nappa liscia e non più come pelle nabuk.
Inoltre è praticamente impossibile eseguire trattamenti di concia per ravvivare la tinta originale.
Le pelli in anilina perderanno il caratteristico colore venato o chiaroscuro, dato dalla tinta al naturale, e prenderanno una superficie simile ai capi nappati o resinati.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Smacchiatura

La smacchiatura della pelle è un'operazione abbastanza delicata e va fatta da competenti nel settore.
Per le macchie magre su pelli scamosciate c'è la necessità di intervenire rapidamente prima che si fissino cristallizzando negli interstizi della pelle.
A casa si può intervenire su qualche macchia magra asportandola subito con un panno e risciaquando sempre con panno umido la zona. Lasciare asciugare in temperatura ambiente. La zona trattata probabilmente si irrigidirà; ma è normale. Se la pelle è scamosciata spazzolare con una spazzola in naylon se la pelle è liscia (nappa) manipolare la zona.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Se prende la pioggia

Se prendete la pioggia, procedere come segue:

  1. per la pelle liscia è importante lasciare asciugare il capo a temperatura ambiente, senza forzare l'asciugamento, avvicinando il capo a radiatori o utilizzando il phon. Una volta asciutto il capo potrebbe essere rigido indossarlo e fare dei movimenti manipolando la pelle il più possibile, ritornerà: alla morbidezza originale
  2. per la pelle scamosciata, sia che si tratti solo di goccie o che il capo sia completamente bagnato, importante lasciare asciugare a temperatura ambiente senza forzare l'asciugatura avvicinando il capo a radiatori o utilizzando il phon. Una volta asciutta la pelle potrebbe risultare rigida. Un' energica spazzolata la riporterà alla morbidezza originale.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Stiratura

La stiratura di un capo in pelle scamosciata o in pelle liscia (nappa), non presenta particolari problemi.
Unica avvertenza: importantissima; non si deve usare del vapore durante la stiratura.
Questa deve essere efettuata solo ed esclusivamente a secco.
Attenzione: molto importante non stirare la pelle se umida o bagnata.

Come operare:

  1. come prevenzione togliere se presente l'acqua dal ferro o dalla caldaietta. Senza acqua non ci sono pericoli.
  2. come panno stiro da frapporre tra la pelle e la piastra del ferro utilizzare un pezzo di fodera lucida da giacca.
    Attenzione se dovete stirare sia pelle scamosciata che nappa adoperate due tele distinte. Mai adoperare per la nappa quella adoperata per stirare il camoscio.
  3. effettuare sempre una prova di stiro su una parte interna, così vi renderete conto della temperatura e dei tempi ottimali per la stitratura.
  4. porre il panno stiro sulla pelle e passarvi sopra con movimento lento il ferro da stiro ben caldo. La pelle deve avere il tempo di ricevere il calore della piastra.
    Se stirate parti con doppie cuciture o spessori interni, sotto la parte da stirare, mettete un mollettone morbido (cuscinetto in gommapiuma rivestito di tela) per assorbire la pressione del ferro, eviterete così di placcare la pelle.
  5. La pelle scamosciata dopo stirata necessita di una spazzolatura o spugnatura. Si può utilizzare o una spazzola a setole semirigide, in naylon o saggina, oppure una spugna da bagno sintetica asciutta.

Mediante la stiratura si possono togliere alcuni inestetismi causati dall'indosso come per esempio le deformazioni all'altezza delle ginocchia e dei glutei. La pelle stirata ritornerà sostenuta e compatta senza perdere la sua morbidezza.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Ogni quanto lavarli

Valido per i montoni scamosciati.
Quanto riportato di seguito è frutto solo dell'esperienza personale e dalle osservazione fatte nel tempo sui capi trattati.
Secondo il mio parere sarebbe bene almeno ogni tre anni sottoporre il capo a manutenzione. Ciò non vuole dire che il capo se non è sporco, debba subire neccessariamente un trattamento di pulitura completo. Per mantenere sana la pelle basta che venga sottoposta ad un trattamento di concia(*) per fornirle quei grassi, assorbiti e consumati col passare del tempo, che fungono da nutrimento e protezione dagli agenti atmosferici.
Per verificare il giusto grado di ingrasso della pelle scamosciata si procede nel seguente modo: si preme forte col pollice sul pellame e si trascine il pollice per 3-4 centimetri. Se la pelle è sufficientemente conciata, la pressione fa affiorare il grasso e prende un aspetto lucido - brillante, se l'aspetto resta asciutto o secco è necessario fare un trattamento riconciante come nutrimento della pelle e protezione da acqua e sporcizia.
Se la pelle rimane secca per troppo tempo inizia a sfaldarsi e a formare nodi, questo processo è irreversibile.
Il trattamento riconciante serve anche a ravvivare la tinta.
(*)concia trattamento atto a conservare il pellame e proteggerlo dalla pioggia.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Spazzolatura di mantenimento

Durante la stagione di utilizzo, i capi in pelle scamosciata vanno spazzolati per togliere la polvere ed eventuali aloni da pioggia. Per fare questo adoperare una spazzola con setole in naylon o saggina oppure una spugna da bagno sintetica asciutta in alternativa un pezzo di gommapiuma asciutto.
Per nabuck o nabuk ingrassati (kashir), che sono fatti con pellami molto grassi, procurarsi una spazzola in acciaio (spazzoline per scarpe scamosciate) e spazzolare con movimenti leggeri incrociati a X, interno collo, interno polsi, e tutte le parti che si sporcano più facilmente.
Con questa semplice operazione si rimuove il grasso affiorato in superfice evitando la formazione di patine e righe nere difficili da rimuovere in fase di lavaggio.
Attenzione: per capi scuri si possono adoperare anche spazzoline con setole in acciaio ottonato, quelle colore oro, per capi chiari le setole devono essere colore acciaio, in quanto quelle ottonate in presenza di umidità rilasciavo ossido verdastro visibile sui colori chiari.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Abiti in pelle

Attenzione alle creme

Se sui capi in nappa (pelle liscia), adoperate delle creme contenenti silicone , compromettete la possibilità di ricolorire il capo. Il silicone farà da antiaderente rendendo la ricoloritura poco stabile.
Se desiderate in futuro far ritingere il capo riportandolo a nuovo non adoperate creme. Optate comunque sempre per prodotti naturali senza silicone, facilmente eliminabili con il lavaggio.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA