CLICK o TAP sulla miniatura per vedere, in dettaglio i risultati delle lavorazioni.

Pulitura 2M - cell 3470723130

Abbigliamento

in tessuto


Suggerimenti per un corretto uso e manutenzione dei capi in pelle e camoscio
Servizio ritiro e riconsegna in tutta ITALIA

Tariffe di spedizione e modalità di pagamento


Valuta il mio lavoro e scrivi una
Recensione su Google

Cartellini garanzia.
garanzia lavorazione eseguita a mano.

Questo capo è stato lavato ad Acqua a Mano.


Piumini e giacconi

Descrizione lavaggio
NeWorNeW per giacconi

I piumini e i giacconi vengoni messi in ammollo in acqua, senza detergenti, con un movimento meccanico ridottissimo. In questo modo si evitano scolorimenti dovuti ai saponi e inutili tensioni sulle cuciture delle fodere.
Segue un lavaggio rigorosamente a mano del tipo sensitivo che oltre ad utilizzare una miscela detergente concentrata, acqua-aria-detergenti, creata e testata in anni di esercizio, utilizza soprattutto l'additivo speciale ODG completamente naturale meglio conosciuto in Friuli come (vueli di comedon), se neccessario vengono utilizzati degli smacchiatori per macchie particolari.
Il lavaggio manuale permette di agire con tenacia sulle parti sporche ed essere delicati sulle altre parti del tessuto, oltre al fatto che permette di controllare il risultato ottenuto in diretta, specialmente sui capi chiari.
Dopo questa operazione il capo si presenta già pulito e solamente da risciacquare.
I risciacqui e le centrifughe vengono eseguiti tutti a capo rovesciato, perchè le fodere sono generalmente meno impermeabili del tessuto esterno e permetoono all'acqua di defluire più agevolmente.
Il primo risciacquo viene eseguito a mano e dopo una prima strizzatura manuale viene eseguita una breve centifuga per eliminare la maggior parte dei residui di detergente dalle fibre.
Vengono quindi eseguiti due o più risciacqui in lavatrice con livello alto e azione meccanica ridottissima.
Solamente dopo aver scaricato l'acqua dell'ultimo risciacquo ed eseguito uno sgocciolamento per bottalatura del capo, che a queso punto ha pochissima acqua nella fodera, vengono eseguite due o tre centrifughe che portano il capo ad essere solamente umido facendo si che non si producano aloni durante la fase di asciugamento.
Tra una centrifuga e quella succecssiva, il capo viene mosso per cambiare i punti di schiacciatura ed evitare che si formino pieghe difficili da far rinvenire.
I tempi delle centrifughe sono stati studiati in modo che il tessuto abbia un grado di unidità tale da permettere alle fibre di distendersi nella fase di bottalatura che segue, e perdere le pieghe formatesi durante la centrifuga.
L'asciugatura a meno di urgenze viene fatta a capo appeso, con bottalature intermedie che permettono il rigonfiamente della piuma per i piumini.
I capi che scaricano con difficoltà l'acqua, tipo i capi resinati, durante la fase di asciugamento vengono rigirati più volte sotto sopra per evitare il ristagno dell'acqua residua e la formazione di aloni.
La stiratura ed ulteriori smacchiature se necessarie completano la lavorazione.


Un'azione meccanica ridotta nell'ammollo e nei risciacqui e uno sgocciolamento prima della centrifuga è importantissimo per evitare che l'acqua presente nelle fodere eserciti una forte pressione sulle cuciture e sui fori delle stesse allargandoli, permettendo così alle piume di uscire e a volte di strappare le fodere stesse.


Questo tipo di lavorazione rende il capo, pulito, non solamente lavato, allungandone di molto la vita.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA

Giacconi e cappotti in lana

Descrizione lavaggio
NeWorNeW per giacconi

I giacconi e i cappotti in lana da prima vengoni messi in ammollo in acqua con antinfeltrente e con un movimento meccanico che simula la manipolazione manuale, questo evita infeltrimenti e inutili tensioni sulle cuciture delle fodere.
Segue un lavaggio rigorosamente a mano del tipo sensitivo che oltre ad utilizzare una miscela detergente specifica per la lana, creata e testata in anni di esercizio, utilizza soprattutto l'additivo speciale ODG completamente naturale meglio conosciuto in Friuli come (vueli di comedon), se neccessario vengono utilizzati degli smacchiatori per macchie particolari.
Il lavaggio manuale permette di agire con tenacia sulle parti sporche ed essere delicati sulle altre parti del tessuto, oltre al fatto che permette di controllare il risultato ottenuto, in diretta, specialmente sui capi chiari.
La spazzolatura durante il lavaggio viene eseguita seguendo sempre il verso del pelo, questa tecnica evita infeltrimenti dovuti allo sfregamento e dona maggiore morbidezza a capo asciutto.
Dopo questa operazione il capo si presenta già pulito e solamente da risciacquare.
Il primo risciacquo viene eseguito a mano e dopo una prima strizzatura manuale viene eseguita una breve centifuga per eliminare la maggior parte dei residui di detergente dalle fibre.
Vengono quindi eseguiti due risciacqui in lavatrice con livello alto e azione meccanica ridottissima.
Solamente dopo aver scaricato l'acqua dell'ultimo risciacquo ed eseguito uno sgocciolamento a capo quasi fermo, viene eseguita la centrifuga con tempi studiati in modo che il tessuto abbia un grado di unidità tale da permettere alle fibre di distendersi nella fase di bottalatura che segue, e perdere le pieghe formatesi durante la centrifuga.
L'asciugatura viene fatta sempre a capo appeso. La stiratura ed ulteriori smacchiature se necessarie completano la lavorazione.


Un'azione meccanica ridotta al minimo nell'ammollo e nei risciacqui e uno sgocciolamento prima della centrifuga è importantissimo per evitare che l'acqua presente nelle fodere eserciti una forte pressione sulle cuciture delle stesse, producendo a volte degli strappi.


Questo tipo di lavorazione rende il capo, pulito, non solamente lavato, allungandone di molto la vita.

Autore del testo Maurizio Mucin.
PER LA RIPRODUZIONE DEI TESTI E IMMAGINI VEDI IL COPYRIGHT NEL PIEPAGINA